Roma, (askanews) - Modelle cieche sulle passerelle di Parigi. Bellissime, in abiti scintillanti e sicure di se', qualcuna camminava da sola senza aiutarsi con il filo trasparente che serviva per farle orientare meglio.

La sfilata organizzata dall'imprenditrice francese Myriam Chalek aveva come obiettivo la raccolta di fondi a favore della ricerca per la cecità. E agli ospiti è stata regalata una mascherina per gli occhi, per provare anche loro la sensazione di essere senza vista.

L'organizzatrice dell'evento: "E' un evento molto simile a quello che abbiamo già organizzato a New York e che vogliamo portare anche a Tokyo, lo scopo è: aprire la mente delle persone. Vogliamo che le differenze vengano accettate, ma vogliamo anche che le persone cieche si accettino per il loro problema, specialmente in Francia, e possano combattere".

"Essere qui significa aprire la mente alla gente - spiega una delle modelle, Juliana Angelina Joy di Bernardo - è come se gli stessimo aprendo gli occhi sulle persone completamente cieche o con la visione limitata, ed è già un modo per aiutarle".