Esposta sino al 28 all'Istituto italiano di Cultura