Roma (Askanews) - La più spiazzante commedia natalizia italiana, che spazza via ogni cliché su celebrazioni e gioie familiari legate alle feste, arriva al cinema il 27 novembre: "Ogni maledetto Natale", diretta dai registi di "Boris" Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo, è una commedia nera con un cast corale, che mostra l'inferno che si può scatenare in due famiglie molto diverse il 25 dicembre. Alessandra Mastronardi e Alessandro Cattelan sono due innamorati con origini opposte: la famiglia di lei è rozza, quasi primitiva, quella di lui bloccata in riti borghesi che nascondono mostri. Gli attori dei due episodi sono gli stessi: Marco Giallini, Valerio Mastandrea, Corrado Guzzanti, Francesco Pannofino, Laura Morante, Caterina Guzzanti."Non è proprio una comicità popolare, è molto nera, però secondo me i ventenni e chi ha consumato mote serie... riconosce questo tipo di humor" ha detto Guzzanti."Anche se poi un film vince, non dal punto di vista del botteghino ma dal punto di vista 'morale'... Vince solo al botteghino" dice Giallini, "no..." "Vince se un film così lo va a vedere anche una signora di 75 anni (che magari esce subito), che entra, paga e rimane: magari una che è abituata a vedere un film completamente diverso" ha detto Mastandrea.Le due famiglie di cui gli attori fanno parte sembrano ugualmente "mostruose"."I primi sono schietti: t'aspetti un morto da un momento all'altro ma sei preparato, mentre nei secondi, che sono nascosti dentro un'ipocrisia e il bon ton da famiglia altolocata, potrebbero dare delle sorprese.." ha spiegato Guzzanti.Il più "mostruoso" ma divertente personaggio del film è il maggiordomo reazionario filippino interpretato da Guzzanti. "Loro volevano un filippino molto di destra, e inizialmente, sulla sceneggiatura, una delle cose che mi faceva più ridere è che era innamorato di Mario Monti questo filippino.. racconta la storia di questi che, diventando integrati, sono ancora più realisti del re".Per i registi questo film che toglie al Natale qualsiasi aura di sacralità è una vera scommessa. "Ci contiamo su un pubblico a cui piacciono le cose che piacciono a noi, che non cerca la replica dell'uguale, ma cerca la novità, il divertimento, un po' di realtà, molto di pazzia... e un pizzico di panettone" ha detto Luca Vendrusolo.