Milano (askanews) - A quasi 30 anni dall'originale, arriva il remake a colori del primo leggendario numero di Dylan Dog, "L'alba dei morti viventi", l'albo che diede il via ad uno dei più grandi successi del fumetto italiano. La storia, intitolata "La nuova alba dei morti viventi" è il primo numero di una collana ("Dylan Dog, i colori della paura", in edicola dal 22 luglio) realizzata dalla Sergio Bonelli Editore in collaborazione con la Gazzetta dello Sport. Michele Masiero è redattore capo della Bonelli. "In questa collana composta da 53 numeri vengono riproposte le storie di 32 pagine a colori apparse sui Dylan Dog Color fest nel corso di questi 10 anni".A prendersi il rischio di reinventare "L'alba dei morti viventi", ai tempi illustrata da Angelo Stano e sceneggiata dal creatore di Dylan Dog, Tiziano Sclavi, il disegnatore Emiliano Mammucari e Roberto Recchioni, sceneggiatore e curatore di Dylan Dog. "È divertente prendersi i rischi su Dylan Dog, è un personaggio che vive nel momento in cui si carica il rischio di raccontare cose interessanti. L'importante era ritrovare un'angolazione inedita con cui raccontare una storia amata e conosciuta da tutti, c'era un buco, un elemento fumoso e io mi sono divertito a scavare in quell'elemento".Un modo per i nuovi lettori di scoprire come tutto è cominciato e per i vecchi appassionati di rivivere, da un punto di vista nuovo, una delle storie più amate.