Milano, (askanews) - I cambiamenti che hanno segnato il nostro modo di mangiare e le prospettive future del sistema alimentare sono al centro della mostra "#FoodPeople", progettata e realizzata dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano con il contributo di Fondazione Cariplo, partner istituzionale Regione Lombardia - Direzione Agricoltura.La mostra, che si estende su oltre 700 metri quadri, mette in evidenza l'importanza delle innovazioni scientifiche e tecnologiche nel settore agroalimentare e quindi nella vita quotidiana. Protagoniste dell'esposizione sono le persone: condivisione, cambiamento, relazioni e tecnologia sono le chiavi di lettura attraverso cui il Museo legge il tema di Expo 2015.Tanti personaggi, in foto o in video su quinte, accompagnano con le loro storie i visitatori in due percorsi complementari. Il primo ripercorre alcune innovazioni scientifico-tecnologiche nel settore agroalimentare e le sue attività negli ultimi 150 anni. Il secondo permette di confrontarsi con scenari e prospettive sul futuro del cibo. In #FoodPeople per la prima volta è stato introdotto un approccio basato sul lavoro congiunto di progettazione e realizzazione tra staff del Museo e gruppi di visitatori, in particolare adolescenti e adulti, italiani e stranieri. La mostra rientra nel programma di "Expo in città".Sabato 25 e domenica 26 aprile è il primo weekend di attività speciali, con visite guidate. Nei laboratori Alimentazione, Biotecnologie e Genetica si può immaginare e preparare il cibo del futuro, fare un'indagine su frutti e fiori commestibili o scoprire l'utilità di muffe e batteri nella produzione alimentare. Nella Tinkering Zone si potranno comporre suoni digitali utilizzando frutta e verdura. Durante il semestre di Expo, i laboratori sono aperti ogni giorno con attività per le scuole e le famiglie.