Milano, 15 dic. (TMNews) - Cure e medicinali gratuiti senza averne alcun diritto. I finanzieri della Compagnia Ventimiglia hanno scoperto 213 cittadini italiani che truffavano il sistema sanitario nazionale, già provato dai troppi sprechi. La finanza ha individuato due diversi metodi per non pagare il ticket sanitario. 162 persone avevano mentito sull'autocertificazione, approfittando di una legge regionale che permette l'esenzione ai disoccupati e a chi ha un reddito inferiore a 8.263 euro semplicemente presentando l'autocertificazione al medico di famiglia. Un raggiro da 30mila euro, tutti sottratti alle casse pubbliche. Altri 51 cittadini italiani invece continuavano ad usufruire del sistema sanitario nazionale nonostante vivesse all'estero da tempo. In particolare ne approfittavano per visite mediche specialistiche, e esami clinici acquisto di medicinali.