Torino (TMNews) - Una truffa in stile Madoff, costata venti milioni di euro di risparmi alle centinaia di vittime del celebre schema Ponzi. Tre persone sono state arrestate e altre tre denunciate dalla Guardia di Finanza di Torino al termine di un'indagine durata un anno e scaturita dalla "lista Falciani", da tempo sotto la lente dei Finanzieri piemontesi.Oltre 600 le persone vittime del raggiro. I 'risparmiatori' finiti nella rete, infatti, erano tutti attratti dalle promesse di alti rendimenti sui loro investimenti, fino al 7 per cento. Almeno in un primo momento, gli interessi arrivavano in effetti con regolarità e nella misura concordata. In realtà, il denaro "fresco" proveniva da nuovi risparmiatori caduti nella rete.I sei denunciati, attraverso società finanziarie non autorizzate ad effettuare la raccolta del risparmio, hanno rastrellato il capitale poi trasferito all'estero, in Svizzera, negli Emirati Arabi ed ad Hong Kong.Tra gli arrestati, ci sono degli italiani residenti in Svizzera. I reati contestati vanno dall'associazione a delinquere - con ramificazioni transnazionali, finalizzata alla raccolta abusiva del risparmio - alla truffa aggravata.