Genova, (TMNews) - "C'è una preoccupazione forte perché non è successa una stupidaggine ma un fatto drammatico, inquietante". Il prefetto di Genova, Francesco Musolino, non nasconde la paura per nuovi attacchi terroristici dopo l'attentato all'amministratore delegato di Ansaldo Nucleare, Roberto Adinolfi, soprattutto ora che la città si appresta ad affrontare il ballottaggio. Un vertice nella prefettura del capoluogo ligure tra lo stesso prefetto, il questore, forze dell'ordine ed il responsabile sicurezza del gruppo Finmeccanica, Paolo Campobasso ha portato al rafforzamento delle misure di sicurezza nella città ligure.Il clima pesante si avverte anche nella stessa Finmeccanica come conferma Campobasso. "E' una preoccupazione umana e naturale. C'è una preoccupazione umana e naturale per chiunque viva una situazione di questo genere. Noi adotteremo le nostre precauzioniinsieme alle forze di polizia che ci danno una grande mano".Tra gli obiettivi sensibili da presidiare anche le sedi di Equitalia, come confermato da Musolino, che non esclude il ricorso all'Esercito per potenziare i controlli.