Tokyo (TMNews) - Sale la tensione tra Cina e Giappone intorno all'arcipelago Senkaku/Diaoyu, conteso tra i due giganti asiatici. Due navi cinesi sono infatti entrate in acque considerate dal Giappone di esclusiva competenza territoriale, al largo delle isole del Mare di Cina orientale. Lo ha annunciato la guardia costiera nipponica.Queste due navi di sorveglianza incrociano a circa 20 chilometri di distanza dall'arcipelago. Altre quattro navi cinesi si trovano poco più lontano, in prossimità del limite di 22 chilometri che segna il confine delle acque territoriali giapponesi, e la mossa non sembra destinata a rasserenare il clima tra i due Paesi.A rendere ancora più complesso il quadro diplomatico anche la decisione della Cina di "rinviare" una cerimonia che avrebbe dovuto celebrare i 40 anni della normalizzazione dei rapporti tra Pechino e il Giappone, che era inizialmente fissata per il 27 settembre. La tensione tra le due maggiori economie dell'Asia ha già avuto delle conseguenze a livello commerciale e industriale. E ora si lavora per scongiurare la possibile apertura anche di un fronte militare.