Pretoria, (TMNews) - Il reddito medio dei sudafricani neri è aumentato del 169% in 10 anni, ma i bianchi continuano a guadagnare in media sei volte di più. È quanto emerge dal censimento 2011 diffuso oggi.A 18 anni dalla fine della segregazione razziale, le statistiche del terzo censimento post-apartheid confermano la rapida ascesa di una classe media nera, ma indicano anche che oltre 2 milioni di persone, quasi tutte nere, vivono ancora nelle bidonville che circondano le periferie delle grandi città.Nel 2011, il Sudafrica ha registrato una popolazione di 51,8 milioni di abitanti, quasi sette milioni in più rispetto al 2001, di cui quasi otto su dieci sono recensiti come "neri" e meno di uno su 10 come "bianchi"."Questi dati, ha dichiarato il presidente sudafricano Jacob Zuma, mostrano che la maggioranza nera continua a rimanere in fondo alla scala sociale costretta a fare i conti con la miseria, la disoccupazione e la diseguaglianza nonostante tutti i progressi registrati sin dal 1994".Anche le cifre sulla disoccupazione evidenziano una spiccata disparità razziale, con circa il 50% dei disoccupati neri contro il 10% dei bianchi.(Immagini Afp)