Palermo (TMNews) - Non esiste alcuna trattativa tra Stato e mafia, è la posizione del critico d'arte Vittorio Sgarbi. "Hanno tolto il 41-bisa quattro pezzenti - ha spiegato l'ex sindaco di Salemi - questa non è una trattativa ma semplicemente un abuso dei magistrati che inventano i reati per assumere un ruolo di grandi combattenti della mafia che non c'era a quei tempi e non c'è oggi". Incontrando la stampa a Palermo, in vista delle prossime elezioni regionali in Sicilia, Sgarbi poi ha espresso il suo appoggio alla lista di centrodestra guidata da Nello Musumeci."L'ho trovato un candidato molto bel scelto da Micciché, Infatti Micciché che lo ha scelto poi lo ha abbandonato e questa è la Sicilia. Non ho nessuna proposta se non quello che ho già detto sia a Musimeci che a catello De Luca cioè che la lista "La rivoluzione siciliana" sia una rivoluzione nel centrodestra, con la possibilita di prendere molti voti che hanno un senso, e vanno verso un presidente che abbia possibilita di essere eletto. Se invece fai il presidente per non essere eletto perché lo devi fare? La tua rivoluzione che prende anche il 3%, non ti fai eleggere non si capisce il significato".