Lucca, (TMNews) - "Non credo che le mie dichiarazioni facciano scendere o salire lo spread".Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi da Lucca cerca di smorzare le polemiche scatenate dalle sue dichiarazioni a Serravalle Pistoiese. Durante il dibattito alla festa della Cgil con Susanna Camusso il neo leader degli industriali si è detto d'accordo con la bocciatura della sindacalista alla spending review che lo stesso Squinzi ha definito "macelleria sociale". Certe critiche "fanno alzare lo spread" aveva commentato il premier Monti. Ora Squinzi, criticato dalla sua stessa base, ribadisce l'appoggio al governo."Stiamo apprezzando quello che sta facendo il Governo sicuramente, anche se c'è ancora tanto dafare"."Non mi aspettavo le polemiche - ha specificato Squinzi - perché sono basate su frasi decontestualizzate. Il senso era diverso. Non è nato nessun asse con la Cgil".