Sochi (TMNews) - Nell'imminenza dalla cerimonia di apertura, Vladimir Putin ha visitato il villaggio olimpico di Sochi. Sorrisi e strette di mano anche nella "casa americana", dove il presidente russo ha salutato la squadra femminile statunitense che comprende due sportive notoriamente omosessuali. L'arrivo del capo del Cremlino ha fatto scattare una gara alla foto ricordo tra le delegazioni.La sfida delle Olimpiadi è molto importante per Putin che deve fare i conti con molti forfait illustri. Alla cerimonia di apertura non ci saranno infatti né Obama né la Merkel e neppure Hollande.Ma il vero timore del leader del Cremlino è che sui Giochi plani l'incubo del terrorismo caucasico, se non nella cittadella olimpica, blindata per l'evento, ma nella regione circostante, il Caucaso tormento dalla guerriglia islamista.Putin ha spiegato che la questione sicurezza a Sochi non è un problema solo della Russia: "Ricordiamo bene vicende come quelle della maratona di Boston", ha aggiunto il presidente russo, riferendosi all'attentato dello scorso anno, messo a segno da due fratelli di origine cecena.Putin ha approfittato della visita al villaggio olimpico per ricordare agli atleti russi che Sochi dovrà far dimenticare il magro bottino di Vancouver, nel 2010, dove la Russia vinse solo tre medaglie d'oro. "Contiamo su di voi - ha detto Putin, accompagnato dalla campionessa di salto con l'asta Elena Isinbayeva - abbiamo una squadra giovane, molto promettente, sono certo che farete di tutto per dimostrarlo".(Immmagini Afp)