Mormanno (CS), (TMNews) - Crepe e crolli, sono ancora fresche le ferite provocate dal sisma del Pollino a Mormanno. Dall'elicottero della Protezione civile della Regione Calabria si vedono chiaramente i danno provocati dal terremoto. Le case inagibili, nel centro, sono una trentina e sono chiuse otto chiese su 10. I danni maggiori si registrano nella cattedrale che ha parte del tetto e del campanile compromessi. Per non parlare dell'ospedale sul quale occorreranno accertamenti che richiederanno tempo.Il paese rischia di chiudere, in alcune strade la circolazione è proibita, le transenne circondano alcuni edifici storici pericolanti.Ingegneri dell'ordine della provincia di Cosenza, tecnici della protezione civile e vigili del fuoco stanno continuando ad effettuare sopralluoghi e rilievi per determinare danni di edifici pubblici e privati, anche se il maltempo che ha colpito la zona dopo il sisma rende tutto più difficile.