Siria (TMNews) - "Questi non sono animali, questi sono esseri umani. Questi sono esseri umani bombardati. E nessuno sta facendo nulla". E' questa la drammatica testimonianza di "Danny", un attivista per i diritti umani, che arriva da Homs, in Siria, dove nella notte si è consumata una strage di civili: 260 i morti secondo l'opposizione ad Assad, in seguito a un bombardamento delle forze governative.Damasco però nega il coinvolgimento delle forze regolari nella strage e parla di uccisioni avvenute per mano di "uomini armati". Quello che è indubbio, comunque, è che la tensione in Siria sta raggiungendo livelli ormai insostenibili, tanto dal punto di vista politico che da quello umano. E mentre la Germania condanna il regime di Assad per bocca del ministro degli Esteri Westerwelle, a Washington è andata in scena una protesta davanti all'ambasciata Siriana, al grido di Assad come Hitler.