Roma, (TMNews) - I bombardamenti in Siria non hanno risparmiato lo storico suk medievale di Aleppo. Un incendio, infatti, ha devastato il cuore economico della città, il mercato che racchiude il patrimonio storico e culturale del Paese. Macerie e cenere, è tutto quello che resta di un luogo che l'Unesco nel 1986 ha inserito nel patrimonio mondiale dell'Umanità: decine e decine i negozi e gli edifici dati alle fiamme. E così il mercato, cuore pulsante fin dal Medioevo degli scambi e degli affari commerciali, ora appare semidistrutto. L'esercito fedele al regime di Bashar al-Assad ha perfino impedito ai negozianti di recarsi sul posto per valutare i danni. Quello di Aleppo, con gli oltre 1.500 negozi, è il più grande suk al mondo, lungo 13 chilometri. E' rinomato in tutto il mondo arabo non solo per le sue dimensioni ma anche per la varietà e la qualità dei prodotti artigianali venduti.Immagini: Afp