Varsavia (TMNews) - A testa in giù e con la cintura di sicurezza allacciata: quando fare un giro in bicicletta diventa un'esperienza "sottosopra". Succede a Golab, in Polonia, nella casa museo di Jozef Majewski, insegnante di meccanica in pensione che ha trasformato la sua passione per le due ruote in divertimento per gli altri. "Per gli esami di fine anno i miei studenti dovevano raccogliere pezzi di vecchie bici e riciclarli, creandone di nuove. Questa è la prima che ho realizzato e la mia preferita: ho percorso 600 chilometri in tre giorni passando in sella 8 ore al giorno".Nel museo sono esposti più di 60 modelli originalissimi, che i visitatori possono provare per farsi due risate. C'è la bici per pedalare distesi, con i lunghi manubri per diminuire lo sforzo, e quella piccola e pieghevole che si può portare ovunque. Tra le più stravaganti la bici con i pedali piazzati prima della ruota davanti e quella che i pedali non li ha proprio, e avanza grazie a piccoli saltelli di chi la guida, la preferita di questa bambina. "Di solito la bici ti fa saltellare quando passi sulle buche, ma qui è pianeggiante e si saltella lo stesso", dice divertita. I modelli non saranno tra i più eleganti in circolazione, ma la mostra attira migliaia di visitatori ogni anno, a dimostrazione che l'originalità spesso ha la meglio sulla bellezza estetica.