Milano, (TMNews) - "Noi del San Raffaele abbiamo un sogno nel cuore: Bedin ricoverato da noi verrà curato": è la canzone rivolta all'amministratore delegato Nicola Bedin intonata dai lavoratori del polo ospedaliero milanese, oggi in assemblea per quattro ore e poi presidio in tangenziale per dire no al taglio del personale deciso dalla nuova proprietà. "Se non cambierà bloccheremo la città" promettono i dipendenti del San Raffaele.