Mosca, (TMNews) - Webcam e diretta streaming: in Russia mai elezioni furono più controllate e tecnologiche, almeno in teoria. Per le presidenziali 2012 il governo ha installato 180mila telecamere in 90mila seggi; una risposta all'ondata di proteste degli ultimi mesi dei cittadini che chiedono elezioni libere e senza brogli. La mossa del premier e candidato super favorito Vladimir Putin è considerata da molti solo l'ennesima operazione di propaganda che in realtà non assicura un voto libero e democratico. Le webcam possono essere seguite in streaming da tutti i russi che si sono iscritti per tempo al sito ufficiale (http://webvybory2012.ru). Le immagini trasmesse sono in una qualità molto bassa, spesso si bloccano e non sempre vengono inquadrate tutte le urne. Insomma non è semplice controllare a distanza tentativi di brogli, dalle persone che votano due volte a chi infila più schede nell'urna. All'occhio elettronico comunque si aggiunge in ogni seggio quello di oltre 500mila osservatori, chiamati a vigilare da vicino sulle operazioni di voto.