Krasnodar, (TMNews) - Immense distese di territorio allagate, acqua e fango che penetrano dappertutto e non lasciano scampo: si presenta così la regione di Krasnodar, nel sud-est della Russia, colpita da una violentissima tempesta che ha causato oltre un centinaio di morti, un bilancio che cresce di ora in ora. Nei racconti dei sopravvissuti la disperazione di chi ha perso tutto. "La pioggia era fortissima e molto rumorosa - racconta questa ragazza - abbiamo sentito delle persone chiamare aiuto da un tetto vicino, tra loro c'erano anche due bambini piccoli. Abbiamo allungato loro dei vestiti usando delle corde". Decine le persone rimaste bloccate nelle loro case, invase dall'acqua, in attesa dei soccorsi."Mi hanno telefonato i miei parenti, una nonna paralizzata, una mamma giovane con un bambino di tre mesi, il marito e un altro uomo. Nella loro ultima chiamata, dicevano 'ci sono solo cinque centimetri tra l'acqua e il soffitto, siamo saliti sull'armadio e non sappiamo come uscire" racconta quest'altra donna. La violenza della tempesta ha spazzato via case e strade, rovesciato macchine e lasciato distruzione ovunque: per qualcuno ha assunto il volto della morte. "Mia madre è morta, è annegata, e anche la mia vicina è morta, la sua casa è andata distrutta" dice una donna in lacrime. Gli sfollati nella regione sono più di un migliaio.