Roma, (TMNews) - Rientravano da un pomeriggio di pesca a bordo della loro barca, due ragazzi romani quando hanno visto il corpo di un bambino incastrato nella testa del molo del Circolo Tre Nodi di Fiumicino. Immediata la chiamata alla polizia, che è intervenuta coi vigili del fuoco e il personale del 118 per recuperare il corpo. Sebbene non sia stato ancora identificato, si teme che possa trattarsi del piccolo Claudio, il bambino di 16 mesi gettato dal padre ventiseienne, Patrizio Franceschelli il 4 febbraio scorso da ponte Mazzini. Il giovane, da tempo in lite con la madre del bambino, aveva lanciato il piccolo nelle acque del fiume mentre un'agente di polizia penitenziaria tentava di fermarlo. Spetterà alle analisi scientifiche stabilire se quello è il corpo è quello del piccolo Claudio.