Roma, (TMNews) - Lo scorso maggio era scappata con un più di due milioni di euro sottratti a pensionati e risparmiatori, ma ora la fuga di Daniela Paponetti, direttrice dell'ufficio postale di Castel San Pietro Romano, è finita nel carcere di Rebibbia. I carabinieri della compagnia di Palestrina l'hanno presa in consegna alla frontiera, dopo l'arresto in Svizzera, nel cantone dei Grigioni: l'accusa per lei è di truffa e peculato. Il 5 maggio del 2011 la donna, 57 anni, direttrice e unica impiegata delle poste, sparì insieme ai due milioni di euro, risultato della truffa a un paese intero. A dare l'allarme erano stati i familiari, il caso era finito anche su "Chi l'ha visto": solo dopo le denunce dei risparmiatori si scoprì la truffa milionaria, basata sulla fiducia guadagnata in 15 anni di lavoro. I soldi sarebbero serviti alla donna per soddisfare la passione per il gioco.