Rio de Janeiro (TMNews) - Ha qualcosa dell'estetica zigana e attraversa le strade di Rio de Janeiro su un carro carico di fiori. E' Yemaja, la dea del mare nata dalla mitologia africana del popolo Yoruba, il cui culto viene portato avanti in molti Paesi del centro-sud America. E in Brasile Yemaja vanta molti seguaci, che per lei organizzano un vero e proprio festival sulla spiaggia di Copacabana. "Noi andiamo a Copacabana - spiega Fatima Damas, presidentessa di una congregazione spirituale - per ringraziarla di quanto ci ha dato negli anni passati. E poi le chiediamo pace, amore, armonia e fratellanza, non solo per noi ma per tutto il mondo"."Le portiamo delle offerte - spiega un devoto - per tutto ciò che ha fatto per noi nel corso dell'anno. E sono sicuro che ci proteggerà anche nel 2013".Oltre che una divinità, e secondo gli antropologi il suo culto è assimilabile a quello, antichissimo, della Grande Madre, Yemaja è anche una donna. Che non disdegna dei vezzi femminili, almeno così assicura questa ragazza. "Le portiamo quello che le piace - racconta la giovane brasiliana - e io le ho portato dei trucchi e dei gioielli". A Copacabana, si sa, la bellezza è d'obbligo.