Roma, (TMNews) - Proprio nel cuore di Giacarta c'è una zona che non si potrà mai vedere su una cartolina turistica. Eppure Ronny Poluan ha portato un gruppo di francesi in un tour guidato nel quartiere di Gaplok a pochi minuti dai luccicanti negozi del centro. Caroline risiede in Indonesia da un anno e voleva vedere come è la vita dell'altra meta della città: "Questo giro - spiega - ci permette di vedere Giacarta in una luce diversa: diversa dai luoghi belli e puliti introno alle nostre case con piscina. Non sarei venuta da sola e sono grata a Ronny per avermi portata. Ho avuto l'impressione che la gente si preoccupa di chi sono e cosa faccio qui. E' un pò inquietante". L'esperienza è scioccante. Centinaia di famiglie povere hanno costruito le loro baracche lungo i binari. E di recente il treno ha investito una bimba che stava rincorrendo un gatto. Il costo di questo "Tour alla Giakarta nascosta" è di 54 dollari che vengono divisi tra una organizzazione non profit e la comunità. Ronny lo ha ideato nel 2008: "Ho fondato una piccola scuola per i bambini che possono così migliorare la loro esistenza". I soldi sono usati per varie iniziative di assistenza sociale ma il tour è contestato da alcune Ong i quali sostengono che la miseria non deve essere un'attrazione turistica."Se i turisti vengono solo a guardarci senza aiutarci è un male. Alla nostra comunità mancano tante cose", spiega questo disoccupato.(immagini Afp)