Taranto, (TMNews) - Duro colpo alla Sacra Corona Unita pugliese. Diciotto persone sono finite in manette, 16 in carcere e 2 agli arresti domiciliari, con l'accusa di far parte del clan che fa riferimento al boss Vincenzo Stranieri, detenuto in regime di 41 bis. Tra le persone arrestate anche alcuni congiunti e parenti del capo clan. Le ordinanze di custodia cautelare sono state emanate dalla Dda della Procura di Lecce per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, attentati dinamitardi, tentato omicidio, rapina, estorsioni, traffico di sostanze stupefacenti e spari in luogo pubblico. L'operazione 'Giano' si è svolta nei comuni di Manduria in provincia di Taranto e Francavilla Fontana nel Brindisino.