Parigi, (TMNews) - I Mondiali di calcio sono una grande opportunità per il Brasile, che "lavorerà duramente" perchè la manifestazione riesca e sia organizzata al meglio. Parola di Pelè, uno dei più grandi di sempre in questo sport, tre volte campione del mondo con la maglia della sua Nazionale: a Parigi per presentare il trofeo, racconta come vede i Mondiali, anche alla luce delle proteste di piazza che hanno accompagnato la Confederations Cup. "Come brasiliano - dice - sono dispiaciuto. Abbiamo tre grandi opportunità per presentare il Paese al mondo, la Copa de confederation, la Coppa del mondo e i Giochi Olimpici, occasioni per guadagnare e attirare turisti, le proteste di piazza danneggiano tutto"."Spero che non avremo gli stessi problemi della Confederations: abbiamo fatto esperienza, penso che il governo ora sia pronto". Parlando della competizione, Pelè confida nel talento di Neymar: il Brasile ripone molte speranze nella sua promessa. "Per noi è la novità, sarà una grande esperienza ma è al suo primo Mondiale e nessuno sa cosa succederà"."Quest'anno ci sono due o tre squadre che, a tre mesi dall'inizio, posso definire molto buone: la Germania, perchè li ho visti giocare molte volte, la Spagna, perchè da 8 anni è la stessa squadra e sa come giocare bene, e ovviamente il Brasile".Appuntamento il 12 giugno per il fischio d'inizio dei Mondiali 2014.(immagini Afp)