Roma, (TMNews) - Il leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, boccia la legge di stabilità approvata dal Consiglio dei ministri e che prevede tra l'altro il taglio dell'Irpef di un punto percentuale sui primi due scaglioni di reddito."La legge di stabilità è una legge che fa quadrare i conti ma fa pagare ai più onesti e ai più deboli. Per questo siamo dell'idea che una vera legge di stabilità è quella che rimette al primo posto la proporzionalità e che faccia pagare il conto a quelli che finora non li hanno pagati".In merito alle coalizioni, Di Pietro ha lanciato un avvertimento al Pd:"L'Italia dei Valori, fin dal primo giorno, ha detto al Partito democratico che era illogico sostenere il governo Monti poichè si sta preoccupando solo di far quadrare i conti ma facendo pagare ai più deboli. Il governo Monti è semplicemente il governo Berlusconi rivestito in lode che nei fatti ha creato più recessione, e ha attaccato le fasce più deboli. Prima il Pd si decide a staccare la spina, prima si dissocia dalle politiche del governo Monti e prima insieme possiamo ricostruire".