Milano, 6 mar. (TMNews) - "Se ci sono irregolarità a noi non interessa, vengano perseguite secondo regolamenti che non conosciamo e non vogliamo conoscere. È però ridicolo e assurdo che si dica che sia intervenuto Tizio, o Caio". Così il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo commenta il risultato delle primarie del centrosinistra a Palermo, vinte da Fabrizio Ferrandelli, e le voci su presunti brogli. Il governatore chiarisce di aver detto più volte ufficialmente ai dirigenti dell'Mpa che non commettessero la sciocchezza di occuparsi o di far occupare i loro amici di primarie del Pd."Noi abbiamo un candidato che si chiama Massimo Costa e stasera lo incontrerò per ribadire il sostegno. Che poi il concorrente di Costa sia la Borsellino o Ferrandelli o Faraone il problema ci riguarda marginalmente". Alla domanda se sia probabile che qualche dirigente vicino al Movimento per l'autonomia possa avere votato alle primarie, Lombardo ha risposto: "Questo non lo escludo".