Palermo (TMNews) "Dico con molta chiarezza: giù le mani da Palermo. Smetta di parlare chi pensa di giocarsi qui una partita nazionale". Leoluca Orlando lancia ufficialmente la sua candidatura a sindaco di Palermo con un attacco diretto a Walter Veltroni, che aveva definito uno sbaglio la sua candidatura, e al presidente della Regione Raffaele Lombardo."Onorevole Lombardo giù le mani da Palermo. Un presidente di Regione candidato per mafia non può condizionare la città". "La città è in default - ha detto l'esponente dell'Italia dei valori - scendo in campo per dare senso ad una sfida vera". "Fino adesso nessuna candidatura ha affrontato il tema dello sviluppo economico della città, ha fatto un appello alle categorie produttive, salvo per patteggiare qualche posto da assessore". Orlando è anche tornato sulle primarie del centrosinistra dello scorso 4 marzo: "Andavano annullate - ha detto - se consideriamo anche quanto si sta accertando riguardo al seggio di piazza Indipendenza, sarebbe stata Rita Borsellino la vincitrice. Per questo ha fatto bene a parlare di mercato delle vacche".