Padova, (TMNews) - Un pullman sventrato e 5 corpi sull'asfalto sono quello che rimane di un giorno di festa finito in tragedia. L'autobus partito da Aprilia stava portando 23 persone, tutti carabinieri in congedo e loro familiari, al raduno nazionale dell'Arma a Jesolo. Le vite di tre uomini e due donne si sono spezzate sulla A13 all'altezza di Terme Euganee, nel Padovano, quando l'autobus è improvvisamente uscito fuori strada e si è ribaltato schiantandosi in una scarpata. I vigili del fuoco arrivati per primi sul posto hanno parlato di scene incredibili: tutti i passeggeri intrappolati nell'autobus urlavano terrorizzati e sono stati tirati fuori uno a uno dalla lamiere. Per 5 di loro però era già troppo tardi. Le vittime, di età compresa tra i 42 e i 75 anni, sono state tutte identificate: fra loro anche il presidente della sezione di Aprilia dell'associazione carabinieri in congedo. In segno di lutto il raduno dell'Arma a Jesolo è stato annullato.