Napoli, (TMNews) - Pace fatta tra il prefetto di Napoli De Martino e Don Praticiello. L'incidente si è chiuso con una stretta di mano e lo scambio di due crocifissi come dono. Era stato Andrea De Martino a rimproverare il parroco di Caivano per non aver chiamato la sua collega di Caserta, Carmela Pagano, 'signora prefetto', ma solo 'signora', nel corso di un incontro, che verteva sul problema dei roghi di rifiuti tossici. Nonostante la reprimenda Don Maurizio benedice l'episodio."E' stata una mortificazione, che però si è trasformata, in qualcosa di bello perchè ha richiamato l'attenzione su quello che stiamo affrontando ed è solo questo che ci interessa."Il problema dello sversamento illegale dei rifiuti tossici, interrati o dati alle fiamme, i maledetti roghi tossici. Questo scempio deve finire. Se questo incidente è servito ad accendere i riflettori sui roghi tossici della Terra dei Fuochi, allora Dio sia Benedetto, evviva la Divina provvidenza".Secondo Don Maurizio su questa vicenda si sono sprecate tante parole, fin troppe. Anche il prefetto ha minimizzato l'episodio precisando che la stretta di mano vale più di mille parole.