New York (TMNews) - Panico a New York. La città si è infatti svegliata tornando a provare momenti di terrore. Un uomo, un bianco di 20 anni, ha sparato sulla folla davanti all'Empire State Building, uccidendo almeno una persona e ferendone almeno dieci, prima di essere a sua volta ucciso dalla polizia. Dato il luogo simbolico in cui è avvenuta la sparatoria, il grattacielo più celebre della città dopo l'abbattimento delle Twin Towers in un'altra tragica mattina newyorchese, si è pensato subito a un'azione terroristica, ma l'ipotesi più accreditata è quella di una disputa tra colleghi, forse per una storia di licenziamenti. Le indagini sono però ancora in corso. Secondo alcuni testimoni il killer avrebbe sparato indiscriminatamente sui passanti, mirando addirittura alla testa. La tragedia è avvenuta tra la 34esima e la Quinta strada, alle 9 di mattina ora locale, le 15 in Italia.