Sochi (TMNews) - Debutto senza medaglie per il Togo ai giochi olimpici invernali. Una delle due uniche atlete che compongono la squadra africana a Sochi, la ventenne Mathilde-Amivi Petitjean, si è piazzata al 68esimo posto nella dieci chilometri dello sci di fondo, ma ha conquistato il mondo per il sua sincerità:"Come sono finita nella squadra togolese? E' molto divertente: sono stata contattata via Facebook nel maggio scorso. Pensavo fosse uno scherzo, ma poi ho capito che facevano sul serio ed eccomi qui" ha ammesso la ragazza, nata in Niger da madre togolese.Non meno curiosa è la storia dell'altra atleta, Alessia Dipol, arrivata 55esima in slalon gigante. La diciottenne è infatti nata e crescita nel Bellunese, ma dopo avere gareggiato fino al 2010 per la federazione italiana ha difeso i colori dell'India e infine è arrivata a Sochi con un passaporto togolese. Merito dei contatti del padre, proprietario di un'azienda di tessuti sportivi, ma anche merito suo visto che è riuscita a qualificarsi.(immagini AFP)