New York, (TMNews) - Gli Stati Uniti sono il Paese con il più alto tasso di divorzi nel mondo. A fare la fortuna degli avvocati matrimonialisti non sono le giovani coppie, ma i cosiddetti baby boomers.Margie White ha 59 anni e recentemente ha divorziato dal marito, con cui stava insieme dai tempi del college."Incontrai Dick durante la mia prima settimana da matricola all'università", racconta Margie che da quel matrimonio ha avuto due figli. Un anno fa, dopo 37 insieme, hanno deciso di separarsi. Ora Dick abita a pochi metri dalla loro vecchia casa, ma dà ancora una mano a Mergie nella gestione del quadrilocale che una volta condividevano."C'erano delle fondamentali differenze nel modo in cui noi vedevamo il mondo - racconta Dick - Penso che siamo più amici ora di quando vivevamo insieme".Casi come quello dei White stanno diventando via via più diffusi negli Stati Uniti: negli ultimi 20 anni i divorzi degli over 50 sono più che raddoppiati. Secondo uno studio a influire sono diversi fattori"I figli del boom economico erano la prima generazione a vivere una rapida accelerazione nella convivenza prematrimoniale, il divorzio negli anni 70 e nei primi anni 80 e oggi sappiamo che i nuovi matrimoni è più probabile che si concludano con un divorzio", spiega Susan Brown della Bowling Green State University.Oggi però ci sono anche altri fattori all'origine delle separazioni."A 60-65 anni vai in pensione ma hai da vivere almeno altri 20 o 25 anni. Allora ti chiedi se vuoi trascorrere il resto dei tuoi giorni con quella persona, se ti rende felice".Margie e Dick ora si dicono felici. Questo non vuol dire che non abbiano problemi. Ma si attrezzano per superarli magari confidando in un nuovo partner che accompagni gli ultimi anni di vita.