Tennessee, (TMNews) - Torna di moda negli Stati Uniti la bevanda preferita dei Padri fondatori. Un bicchiere di succo di mela, l'ingrediente fondamentale del sidro, una magia che si consuma nei laboratori di Chuck Shelton, il titolare della Albemarle CiderWorks, un'azienda che ha visto produzione e fatturato decollare improvvisamente."Il primo anno, il 2009, abbiamo prodotto 860 casse e abbiamo venduto tutto. L'anno dopo siamo passati a 2.000 per arrivare alle 3.000 degli ultimi due anni".Tremila casse e ancora non bastano. A livello nazionale, le vendite di sidro sono aumentate del 25% in 12 mesi con gli americani che stanno riscoprendo il liquore preferito dei Padri pellegrini e da Thomas Jefferson, il terzo presidente, famoso per il sidro champagne distillato nella sua piantagione di Monticello, in Virginia, conservato in questa cantina sotterranea, come spiega il curatore della tenuta, Justin Sarafin."In una stagione tipica, alla fine della raccolta delle mele, dopo la fermentazione, erano in grado di mettere in magazzino 500 bottiglie di sidro a stagione".Il sidro era un elemento fisso della dieta di allora e per chi se lo poteva permettere rimpiazzava anche l'acqua da tavola. Ispirato da Jefferson, Chuck Shelton è impegnato anche a preservare e raccogliere antiche varietà di alberi di mele."Questa è una varietà del Tennessee che ha probabilmente 160 o 170 anni".Il sidro deve vedersela con la temibile concorrenza di vino e birra ma per gli appassionati è qualcosa che va oltre una semplice bevanda, è la passione di una tradizione radicata nella storia degli Stati Uniti che intendono passare alle future generazioni.(Immagini Afp)