Johannesburg (TMNews) - Sono belli, muscolosi e vengono da tutto il mondo: si tratta dei concorrenti per il concorso Mr.Gay World, contest di bellezza omosessuale, andato in scena a Johannesburg, in uno Stato e un continente, l'Africa, dove ancora si combattono dure e complesse battaglie contro le discriminazioni. Il concorso, oltre che un inno alla bellezza, vorrebbe essere anche un apripista per i diritti degli omosessuali. Uno dei giudici, Andrew Creagh, spiega quali sono i requisiti necessari per vincere."Noi cerchiamo - ha spiegato - qualcuno che sia preparato sulle questioni politiche che riguardano la comunità gay mondiale, e che sia anche fotogenico e che possa attirare l'attenzione dei media di tutto il mondo".E a conquistarsi l'ambito titolo è stato un 32enne tedesco trapiantato in Nuova Zelanda, Andreas Derleth, che mostra di avere le idee molto chiare sul proprio ruolo di ambasciatore dei diritti gay."La mia priorità - ha detto alla stampa - è quella di creare delle comunità in tutto il mondo che consentano ai gay, alle lesbiche, ai transgender, e a tutte le possibili identità sessuali di venire allo scoperto senza paura".Per la prima volta quest'anno alla kermesse hanno preso parte anche dei concorrenti neri. Robel Haliu viene dall'Etiopia."L'Africa - ha spiegato - è indietro sul tema dei diritti umani e mentre in altri Paesi del mondo, come gli Stati Uniti o il Canada, possiamo stare sicuri, qui corriamo sempre il rischio di venire attaccati".Per questo avere proclamato Mr. Gay 2012 proprio in Africa assume un significato molto speciale.