Milano, (TMNews) - Rumorosa protesta contro Elsa Fornero davanti al palazzo che ospita il Consiglio Regionale della Lombardia a Milano, dove il ministro interviene a un convegno organizzato dai Democratici per Milano sulla riforma del mercato del lavoro. All'ingresso di via Fabio Filzi sono radunati una cinquantina di manifestanti, soprattutto i cosiddetti "esodati" di varie categorie lavorative, ma anche militanti della Cgil, di Rifondazione e dei Comunisti italiani, con tanto di striscioni, bandiere, fischietti e persino campanacci e pentole per far sentire la voce della protesta. Lo slogan principale è "Esodiamo la Fornero". Al passaggio di un'auto con i lampeggianti la protesta si anima, ma invano: non si tratta del ministro.Elsa Fornero non è entrata in contatto con i manifestanti: la sua auto è infatti arrivata al palazzo della Regione dall'altro lato rispetto a via Filzi, nella più tranquilla piazza Duca d'Aosta. Le macchine sono entrate nel piazzale del Pirellone e hanno parcheggiato, proprio davanti al portone: il ministro è sceso ed è entrato senza rilasciare dichiarazioni. Tutta la zona era presidiata in modo massiccio dalle forze dell'ordine.