Washington, (TMNews) - "E' una bellissima giornata, ci siamo impegnati molto su questo tema". Michelle Obama, con una maglia giallo fluo, è allegra davanti al pubblico della Casa Bianca, ma il suo annucio è serio: la first lady è la testimonial dell'iniziativa promossa dalla Walt Disney Company, proprietaria della rete Abc e di una suite di canali via cavo, contro la pubblicità del junk food. Capofila della campagna per il mangiar sano e contro l'obesità, soprattutto in età infantile, Michelle si fa portavoce della messa al bando degli spot sul cibo spazzatura su tutti i programmi Disney, in radio, tv e sul Web: le trasmissioni dovranno rispettare standard nutrizionali molto rigidi. Il problema dell'obesità, o del sovrappeso, in America colpisce quasi un bambino americano su tre: secondo una ricerca dell'Institute of medicine una delle cause sarebbe proprio la pubblicità di cibi e bevande bollati come spazzatura. Il divieto della Disney si muove sulla scia della decisione del sindaco di New York Michael Bloomberg, che ha annunciato il divieto di bibite zuccherate extralarge in ristorantti, teatri e cinema.