Al suono della prima campanella arriva un maxisequestro di 200 mln di prodotti made in Cina per la scuola. La Gdf ha svelato imprese di import-export a Padova e Reggio Calabria con magazzini pieni di merci nocive che stavano per finire in astucci e zaini.