L'introduzione di Ferruccio de Bortoli