Palermo, (TMNews) - "Se il gup dovesse decidere il mio rinvio a giudizio mi dimetterò". Il presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo commenta così l'imputazione coatta per concorso esterno in associazione mafiosa, disposta nei suoi confronti dal gip di Catania. "Non sottoporrò la Regione al fango di un processo - ha detto Lombardo - se ci dovesse essere il processo mi dimetto, senza aspettare sentenze di Cassazione nè di primo grado".