Salemi, (TMNews) - Bufera sul Comune di Salemi. Gli ispettori inviati dall'ex ministro dell'Interno Maroni hanno proposto lo scioglimento del consiglio comunale siciliano per infiltrazioni mafiose, scatenando la reazione del primo cittadino Vittorio Sgarbi che ha annunciato le dimissioni. Il critico ha minacciato querele nei confronti degli ispettori, ha parlato di poteri occulti e di una "Capacità di valutazione profondamente difforme tra chi prospetta scenari di condizionamento mafioso, di cui non mi sono mai accorto, e quello che abbiamo fatto, sotto gli occhi di tutti". Proprio stamani Sgarbi aveva nominato come suo vice l'ex parlamentare Pino Giammarinaro, coinvolto in passato in inchieste di mafia e sospettato d'aver avuto influenze sull'operato degliamministratori comunali di Salemi.