Riad, (TMNews) - Per la prima volta nella storia l'Arabia Saudita permetterà alle donne di partecipare alle Olimpiadi. Un evento per il Paese arabo che proibisce alle sue cittadine non solo di praticare sport ma anche di assistere a manifestazioni sportive, con una lettura estremista a riguardo che non ha nessun altro Paese arabo. Anche Brunei e Qatar, prima oltranzisti sull'argomento, hanno cominciato ad inviare le loro atlete in competizioni internazionali.A rappresentare l'Arabia Saudita alle Olimpiadi di Londra ci sarà la campionessa di equitazione Dalma Rushdi Malhas anche se il comitato olimpico saudita sta valutando la possibilità di inviare altre 2 atlete. Tutte, è stato specificato, dovranno vestirsi in modo da "preservare la loro dignità".Un invito in cui è racchiusa tutta la difficoltà di essere donne in Arabia Saudita, situazione che di certo non cambierà con questa ultima concessione, fatta su pressione di associazioni e governi.