Tripoli, (TMNews) - Il traffico è tornato a intasare le strade di Tripoli. Anche questo è il segno del ritorno alla normalità, a 7 mesi dalla fine del regime di Gheddafi.Nel Paese rispuntano le grandi società internazionali che cercano di riavviare gli affari interrotti con l'inizio della guerra. Fra loro c'è il colosso alberghiero "Radisson group", multinazionale americana proprietaria di questo hotel di lusso nel centro di Tripoli, evacuato e bombardato durante la rivoluzione. Il general manager Kosta Kourotsidis racconta che per ora il giro d'affari è inferiore al 10 - 15% rispetto agli altri anni."Io vedo previsioni molto positive per il prossimo anno - assicura - abbiamo firmato molti contratti".Un segnale ancor più incoraggiante se si pensa che l'hotel si rivolge soprattutto a uomini di affari e che la maggior parte dei suoi 290 dipendenti è libica. Anche la sicurezza è affidata a libici che lavorano fianco a fianco ad ex combattenti della rivoluzione, che controllano l'albergo 24 ore su 24. Per loro i proprietari dell'hotel hanno organizzato una cerimonia di ringraziamento; e i dipendenti eroi hanno fatto risuonare nella lussuosa sala conferenze i rap della rivoluzione.