Recife (Brasile), (Tmnews) - Gli squali stanno mettendo a repentaglio la reputazione turistica del Recife, regione nel nordest del Brasile, meta dei surfisti e celebre per le sue spiagge sterminate. Negli ultimi 20 anni si contano 56 attacchi e un terzo delle vittime sono morte: numeri cinque volte superiori alla media mondiale. L'escalation coincide con l'assottigliarsi della barriera corallina: di conseguenza gli squali si possono avvicinare alla riva attirati dalla sporcizia e dal cibo. "Le nostre priorità - spiega Alexandre Carvalho, presidente dell'istituto oceanografico di Recife - sono la prevenzione e l'educazione all'ambiente. Lo squalo è molto importante per l'ecosistema". Quest'uomo è una delle vittime degli squali. "Quando sono stato morso alla gamba - ha raccontato - ho tentato di difendermi prendendolo a pugni. In quel momento si è avventato sulle mie mani". Gli uomini della sicurezza sulle spiagge non escono mai in mare senza l'equipaggiamento anti squalo "Si mette così - spiega - Quando entriamo in acqua azioniamo un sistema che emette delle onde elettromagnetiche che formano una zona di protezione. Se uno squalo si avvicina troppo viene respinto dal suono".La prevenzione e questi altri accorgimenti a Recife stanno dando i primi frutti. Il numero degli attacchi si è ridotto di un terzo rispetto a dieci anni fa.