Cernobbio (TMNews) - La riforma del lavoro può essere modificata solo da governo e Parlamento. Lo ha sottolineato il premier Mario Monti, spiegando la formula 'salva intese' per il disegno di legge. Per il ddl, ha detto Monti intervenendo al forum Confcommercio, ci sarà "un processo di affinamento che non è aperto a contributi esterni. Nessuno pensi che sia suscettibile di incursioni".