Rio de Janeiro, (TMNews) - Gita turistico-culturale al monumento simbolo di Rio de Janeiro per la Nazionale italiana di calcio, in Brasile per partecipare alla Confederations Cup. Sotto la statua del Cristo Redentore si sono riuniti i giocatori simbolo della squadra, presenti i giovani Balotelli e El Shaarawy e le bandiere Buffon e Pirlo: in compagnia delle famiglie, mogli e figli al seguito, hanno scherzato, scattato foto e scambiato quattro chiacchiere con i turisti e i brasiliani in visita al monumento. "Non sapevamo che sarebbero venuti, è stata una sorpresa. Sono bellissimi" commenta questa ragazza. Un tifoso ha regalato a Mario Balotelli la maglia della sua squadra del cuore."E' la maglia del Ceara - spiega - la mia squadra di Fortaleza. Così la porterà in Italia". Proprio Balotelli nel suo profilo Twitter ha cambiato registro rispetto alle ultime dichiarazioni nelle quali invitava i delusi a tifare per un'altra nazionale, frasi che non erano piaciute per niente ai tifosi nè al ct Prandelli. "Professionalità, umiltà, impegno" sono le tre parole twittate che sanciscono il cambio di rotta.(immagini Afp)