Milano, (TMNews) - Una minilampada gonfiabile a energia solare per fare luce nei momenti più bui, dopo terremoti o catastrofi naturali in genere. Si chiama "LuminAID" ed è un'idea di due ragazze americane Andrea Sreshta e Anna Stork che hanno cominciato a lavorare al progetto dopo il sisma ad Haiti nel 2010."Siamo arrivate a pensare che luce sia un bisogno umano primario - dice Andrea - dovrebbe far parte del materiale che si invia alle vittime dopo un disastro naturale".Per azionare la lampada basta soffiarci dentro, come un palloncino, è resistente all'acqua, galleggia ed semplice da spedire viste le dimensioni contenute; ha una durata di 8 ore e si ricarica completamente in 5.La prima prova sul campo della loro invenzione è stata nel marzo del 2011 quando la lampada ha illuminato le notti dei cittadini di Tokyo alle prese con i blackout dopo il sisma e lo tsunami.