Grecia (TMNews) - La Grecia ha scelto l'Europa e la moneta unica. Almeno è questo il responso che esce dalle urne delle elezioni elleniche, dopo lo stallo delle precedenti consultazioni. I conservatori "pro Euro" di Nea Dimokratia sono usciti vincitori dalla consultazione elettorale e, ha affermato soddisfatto il leader Antonis Samaras, sono pronti a formare "prima possibile" un nuovo governo."Oggi il popolo greco - ha detto Samaras - ha espresso il proprio desiderio di restare nell'euro, de essere parte integrante dell'Eurozona, di onorare gli impegni. Questa è una vittoria per tutta l'Europa". "Noi invitiamo tutte le forze politiche - ha aggiunto Samaras - a condividere i nostri obiettivi e a partecipare a un governo di salvezza nazionale. Non c'è tempo da perdere".Nel voto Nea Dimokratia ha riportato il 29,66% delle preferenze, seguito dalla sinistra radicale di Syriza, attestata al 26,89%. Ne esce invece fortemente ridimensionato il Pasok di Evangelos Venizelos, sotto il 13% ma comunque determinante affinché la coalizione ottenga la maggioranza dei seggi in Parlamento. Da segnalare anche il risultato dei neonazisti di Alba dorata, che hanno conquistato 18 seggi. L'Europa, dunque, tira un sospiro di sollievo e i primi segnali dai mercati finanziari e monetari sono positivi. Ora la sfida è mantenere questo ottimismo e trasformarlo in fatti concreti.(Immagini AFP)