Seattle, (TMNews) - La cucina di domani somiglia a un laboratorio di ricerca, dove la parola d'ordine è sperimentare. Parola di Nathan Myhrvold: da capo della tecnologia di Microsoft, negli anni Novanta, a pioniere della tecnologia in cucina, ha scritto una serie di libri che racchiudono tutte le sue conoscenze in materia, dal titolo "Modernist cuisine". "La tecnologia non sostituisce un'arte, ma la potenzia - spiega Myhrvold - permette allo chef di essere un'artista perchè rende possibili cose che richiederebbero troppo lavoro o sarebbero troppo complicate da realizzare. La tecnologia si usa per celebrare gli ingredienti, non per nasconderli".Tra gli strumenti c'è un evaporatore rotante: l'idea è che mettendo sottovuoto un liquido, evaporerà a temperature basse, permettendo di estrarre composti diversi, senza cuocerli. Per cucinare un perfetto pollo arrosto si abbinano due tecniche: l'animale viene appeso con la pelle tesa, e lasciato ad asciugare per qualche giorno, poi investito da un getto di vapore che rende la carne croccante prima di essere servita."Questa è una friggitrice a ultrasuoni - spiega uno chef - di solito viene usata per pulire strumenti di laboratorio: un sistema che tratta la superficie della patata facilitando la frittura in olio ad alte temperature". L'obiettivo del progetto è condividere le informazioni su cibo e cucina, perchè queste tecniche sbarchino nei ristoranti e poi nelle case di tutto il mondo.